La storia della poltrona letto Pappagalle: design ricercato, animo vintage e un aspetto giovanile

Acquista con Finanziamento a Tasso Zero o con Acconto e Saldo

La storia della poltrona letto Pappagalle: design ricercato, animo vintage e un aspetto giovanile

anteprima

Oggi riavvolgiamo il nastro per raccontarvi le origini della poltrona-letto Pappagalle.

Il primo progetto risale agli anni '70 dal famoso architetto toscano Tiziano Lera.

L'obiettivo era quello di creare un oggetto facilmente trasformabile e dalla duplice funzione: da una parte una poltrona dal design ricercato, dall'altra un comodo letto utilizzabile in ogni tipo di situazione.

Un prodotto all'avanguardia che già allora guardava alle abitudini delle attuali generazioni.

Nel 2017, con una collaborazione con la Libera Accademia delle Belle Arti di Firenze, il progetto Pappagalle viene rieditato da Marco e Giulio Mantellassi per una riprogettazione in chiave moderna della poltrona-letto.


In primo luogo viene studiata una nuova imbottitura, sostituita con materiali più moderni in grado di garantire allo stesso tempo il comfort nelle due situazioni di utilizzo, la trasformabilità e l'indeformabilità dell'oggetto.

In secondo luogo la ricerca si è concentrata sul rivestimento della Pappagalle per la sua presentazione nella versione Barbour.


L'obiettivo era quello di riprogettare e ringiovanire un arredo storico e di design con una versione che riprendesse un capo di abbigliamento iconico e con uno stile molto riconoscibile.

In questa immagine renderizzata potete vedere il primo progetto ambientato della Pappagalle ripensata con materiali di imbottitura e rivestimenti moderni, presentata nelle due soluzioni di utilizzo, poltrona e letto.



Un oggetto di design dall'animo vintage ma dall'aspetto molto giovanile e alla moda che noi pensiamo possa dare una personalità simpatica al vostro ambiente.

E voi cosa ne pensate?


Share:

Mantellassi Design srl. Sr 66 loc. Gello - 51100 Pistoia - P.I. IT05737480482 - Capitale Sociale 125.000 euro I.V. - REA PT171744
Credits: Firenze Web Division